MTBnews.it

18 febbraio 2009

10 domande a… Tiziano Mammana

Tiziano MammanaTiziano Mammana, romano, è stato nel 2008 il meccanico del team internazionale Iron Horse – Playbiker e, assieme a Simon Cittati è stato la vera anima della squadra, vivendo fianco a fianco con gli atleti nella sede del ritiro di Pila, in Valle d’Aosta, e seguendo la squadra in tutte le trasferte di coppa del mondo. Meccanico della nazionale anche nel mondiale di Commezzadura e nell’europeo di Caspoggio, Mammana ha deciso per il 2009 di tornare alle origini, seguendo il circuito italiano con il negozio della capitale Bike-Store, e fornendo supporto ad agonisti e amatori. Nelle consuete “10 domande a…“, ormai agli sgoccioli negli ultimi giorni prima dell’avvio della stagione agonistica, Tiziano lascia trasparire la passione che lo ha portato ai massimi livelli.

1. L’evento più bello della stagione
Beh, indubbiamente il mondiale in Val di Sole, perché sono stati il fulcro del downhill internazionale per la stagione 2008, dove si vede davvero chi è il più forte, perché si respira un atmosfera particolare, di tensione e divertimento. Senza dimenticare che eravamo nella nostra bella Italia. Peccato soltanto che gli organizzatori, per alcuni aspetti, non sono stati all’altezza rispetto ad altre edizioni mondiali. Inesperienza nel settore?
E poi il campionato italiano assoluto di Pila, dove i piloti del nostro team sono stati veramente dei leoni partendo al cancelletto con il gas spalancato, vincendo e ripagandoci appieno degli sforzi fatti. Non dimenticherò mai i festeggiamenti al ristorante, la sera stessa, a base di birra mandata giù alla goccia, da un astemio come me!!!

2. La giornata peggiore
Senz’altro Fort William, numerose forature ai nostri atleti (e non solo), non ci hanno dato la possibilità di dare risultati in una delle piste più belle e massacranti della world cup, nonostante io e Giulio Neri (l’altro meccanico del team) avessimo dato il cento per cento per evitare questo problema, che è la bestia nera di ogni downhiller.

3. La gara e il percorso più bello del calendario italiano
Non per essere di parte, ma Pila è stata senza dubbio la gara più bella del circuito nazionale, sia per la pista di altissimo livello che per l’organizzazione degna di un campionato assoluto. Spero e sono convinto che col tempo tutte le gare nazionali possano raggiungere quel livello.

4. Il tuo idolo di tutti i tempi, nel mondo del downhill
Il mio idolo è senza dubbio Jared Graves, uno di quei piloti che quando lo vedi scendere o saltare su una pista da four-cross dal vivo, è un piacere per gli occhi! Preciso, potente, tecnico, pulito: rispecchia proprio i miei canoni di vero racer professionista.
Poi se parliamo anche del piano umano, ci metterei in mezzo Peat, Minnaar e Fairclough per la simpatia.

5. Come è cambiato il mondo del downhill da quando sei nell’ambiente? E le biciclette?
In questi ultimi anni il downhill è cambiato parecchio, e penso se ne siano accorti tutti, sia per l’evoluzione delle bici che per i tipi di percorsi, che per il numero di praticanti, e per fortuna la discesa non è più una nicchia piccola piccola.
Le bici ormai sono dei veri concentrati di tecnologia, con escursioni e sistemi ammortizzanti prima impensabili, dei mezzi con cui non si hanno davvero limiti… se non la propria testa! Basta vedere la Red Bull Rampage di quest’anno cosa hanno fatto con bici normalmente acquistabili in negozio!)

6. Quale ruolo pensi dovrebbero avere i media in questo sport?
I media in questo sport sono linfa vitale, perché a differenza del calcio, del tennis o del motociclismo, ci sono ancora troppe persone che neanche sanno cosa sia il downhill, e per ovviare a questo problema, la stampa e la tv sopratutto, devono cominciare a pensare anche che esistono tanti sport che meriterebbero il loro piccolo spazio, per farli crescere, così che un team o un pilota possa anche trovare uno sponsor che abbia voglia di investire, creando una positiva reazione a catena per tutto il movimento.
E poi parliamoci chiaro, la gente rimane a bocca aperta quando in tv ogni tanto fanno vedere qualche “pazzo” scendere giù da una pista di downhill!

7. Che cosa serve per far crescere il movimento?
Per far crescere il movimento servono numeri… e per farli servono gestori di impianti che investono nei bike park e che creino piste per ogni livello, la tv che avvicina nuovi appassionati e scuole di freeride per bambini e adulti come in Francia. Praticamente la filosofia dello sci, applicata alla mountain bike. So che non è facile, ma in questi ultimi tre o quattro anni qualcosa si è mosso, e si vede. Per cui cerchiamo di non fermarci mai.

8. I tuoi obiettivi per il prossimo anno
Per il 2009 mi prenderò uno stop dalla world cup e tornerò a collaborare con Bike-Store (negozio romano specializzato in freeride e downhill) con cui seguiremo tutte le tappe del circuito nazionale di downhill con un supporto a tutti gli appassionati amatori di questo sport, senza tralasciare ovviamente l’ormai consolidata collaborazione come meccanico per la nazionale italiana di dowhill e four-cross, coaudivata sempre dall’onnipresente CT Antonio Silva.
Altre cose ancora bollono in pentola…

9. Un giovane emergente su cui scommetteresti per il futuro
Di ragazzini con la manetta aperta ce ne sono molti, ma il primo che mi viene in mente è Gianluca Vernassa, sta venendo su a “pane e downhill” e i risultati si vedono. Staremo a vedere.

10. Il 2008 verrà ricordato per…
Verrà ricordato come gia detto da altri, per la caduta di Sam Hill all’ultima curva di una gara di campionato del mondo (di cui io ero spettatore in prima fila proprio all’interno di quella curva maledetta), e per il ritiro di Alan Beggin dal mondo del downhill, per i motivi che ormai tutti sappiamo.
Perché no, anche per i grandi risultati portati dalle “mie” atlete Elisa Canepa e Floriane Pugin, una per essere campionessa italiana per il secondo anno, e l’altra per essere salita sul podio della coppa del mondo varie volte, anche grazie alle mie manine sui loro mezzi!

Annunci

10 commenti »

  1. Grande Tizzi!

    Commento di max — 18 febbraio 2009 @ 18:59

  2. Tiziano è un grande professionista, di quelli che vivono nell’ombra ma che non appoggiano l’attrezzo sul carrello se tutto non funziona alla perfezione. Sempre il primo a svegliarsi la mattina, non andava a dormire se non aveva la convinzione che era tutto a posto sulle bici dei piloti. Inoltre ha anche una bella manetta in bici.
    Insieme a Simon è stato la colonna portante del team, e senza la sua fondamentale presenza probabilmente i risultati che tutti conoscono non sarebbero arrivati. Gli faccio un grosso in bocca al lupo e lo ringrazio di tutto, anche se ai Boxxer Worlds si è fatto eliminare non per la lentezza nello smontare forcelle quanto piuttosto per la lentezza nel bere…
    Qui le prove: http://www.freecaster.tv/1000006_1005150

    Un abbraccio,

    Romano

    Commento di Romano Favoino — 18 febbraio 2009 @ 20:04

  3. Semplicemente un grande da ogni punto di vista lo vediate!!!!!

    Ciao Tiz!!

    Renato

    Commento di renato — 18 febbraio 2009 @ 22:36

  4. AHAHAHAHAH! Tiz… applica più manetta all’ingurgitamento di alcoolici!

    Commento di LEPUS — 18 febbraio 2009 @ 23:46

  5. Grande Azzurro… oltre ad essere bravo, tizz è di una disponibilità e cortesia incredibile!

    Però gli basta uno sciroppo per accusare l’alcollll!!

    Commento di Santre — 19 febbraio 2009 @ 12:46

  6. Tiziano sei bono!

    Commento di Mony — 19 febbraio 2009 @ 16:13

  7. Ehi Tizzi, assieme alla birra c’era anche qualcos’altro… te lo ricordi o eri già perso?

    Commento di Elisa — 19 febbraio 2009 @ 20:42

  8. GRANDE TAZZI SEI IL NUMBER ONEEEEE
    CIAO CIAO BUGNO

    Commento di marco bugnone — 20 febbraio 2009 @ 13:22

  9. bella tizz…spero di rivederti di nuovo sui campi di gara oppura al pub di Pila a prendere dinuovo una birretta…ahahahah

    P.S l’ironhorse è fantastica

    ciao ciao

    Commento di Marco Perardi — 21 febbraio 2009 @ 17:16

  10. Grande Tizià…vedere gente che si sbatte come te è sempre un piacere!
    A presto Zioifo

    Commento di Andrea Leo Zioifo — 25 febbraio 2009 @ 12:08


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: