MTBnews.it

12 dicembre 2008

Nuovo regolamento FCI: numero chiuso per le gare nazionali

Filed under: news — Tag:, , , — Alessandro Mano @ 19:49

FCILa Federazione ciclistica italiana ha diramato, martedì 9 dicembre scorso, le rinnovate norme attuative per downhill, four-cross, dual e downhill marathon, che contengono poche novità rispetto al 2008, ma piuttosto significative. Al di là dei dettagli tecnici delle classificazioni delle gare, dei punteggi e delle regolamentazioni cui organizzatori e atleti dovranno uniformarsi, saltano all’occhio alcuni passi avanti, nell’ottica della crescita del movimento gravity italiano, nel tentativo di fare ordine in un regolamento che in passato ha suscitato molte polemiche.
Si inizia con l’obbligatorietà delle cosiddette “protezioni salvavita”: casco e paraschiena sono obbligatori per tutti gli atleti, sia agonisti, sia amatori, e l’obbligatorietà per le categorie amatoriali (master) e giovanili (esordienti, allievi e junior) di indossare anche ginocchiere, gomitiere e guanti. Nessuna menzione di skinsuit o della maglia a maniche lunghe obbligatoria per gli amatori: al contrario dell’UCI, che non è ancora giunta all’obbligatorietà per le protezioni, eccezion fatta per il casco integrale, la FCI prosegue nel segno della sicurezza e dell’incolumità degli atleti.
Altra importante novità sarà l’istituzione di una sorta di “sistema di qualificazione” per le gare nazionali e internazionali, sulla falsariga di quelli adottati da molte altre nazioni.I due ranking esistenti, quello nazionale e quello “Top class”, verranno mantenuti. Il primo servirà agli amatori per qualificarsi al campionato italiano in prova unica (nel 2009 sarà a Collio), il secondo darà accesso per gli amatori alle gare nazionali e internazionali, tra le quali il circuito italiano downhill: occorrerà infatti essere classificati tra i primi 200 “master” del ranking “Top class” per poter partecipare ad una gara di livello “nazionale/internazionale”, ed essere tra i primi 200 del ranking nazionale per disputare il campionato nazionale. Nessuna limitazione invece per le categorie agonistiche e femminili.
Nelle gare nazionali, i primi 30 agonisti e i primi 20 amatori della classifica nazionale che dovessero avere problemi tecnici o meccanici, partiranno comunque tra gli ultimi 30 o 20 della manche finale; diverso sarà invece per il campionato italiano, dove la partenza avverrà per categorie (nell’ordine, master women, master 6, master 5, master 4, master 3, master 2, master 1, mastersport, donne esordienti, donne allieve, donne junior, donne élite, esordienti, allievi, junior, under 23, élite) in base al tempo fatto registrare nella manche di qualifica della mattina.
In caso di annullamento della manche finale di una gara nazionale, la commissione sportiva potrà decidere di ritenere valida la prima manche.
Soltanto nelle gare regionali permane l’obbligatorietà di creare delle varianti ai tratti più impegnativi e tecnici del percorso, per permettere in tal modo di percorrere l’intero tracciato in sella anche agli atleti meno preparati.

Link
Le norme attuative 2009 (pdf).

Annunci

9 commenti »

  1. Un plauso per la sicurezza, in questo la FCI ha recepito in pieno quello che è stato l’orientamento della stragrande maggioranza dei team, il mio naturalemte compreso, in occasione della riunione dell’Abetone.
    Bene che non si sia fatta influenzare dall’UCI né sul tema protezioni, né sul pesantemente ridicolizzato “problema” delle skinsuit. Buono il cambiamento sull’ordine di partenza per il campionato italiano, finalmente direi si è resa conto dell’errore dell’anno scorso che a Pila ha così pesantemente condizionato Milivinti, meglio tardi che mai.
    Troppo poco invece (e qui non è stata recepita la richiesta fatta a gran voce e con la solita netta maggioranza dai team) per il ritorno alle due manche per gli amatori.
    La formula adottata è un pasticcio: infatti ora come ora nella prima manche (senza senso) la gente va a spasso, se dovesse venire resa valida vedo già e giustamente polemiche, per non parlare poi di quelle sulla decisione o meno di annullamento. Meglio comunque sarebbe stato dare anche una qualche validità, in punti od altro come del resto succede in coppa, anche alla qualifica agonisti
    Alberto Ancillotti

    Commento di Ancillotti — 12 dicembre 2008 @ 23:02

  2. vorrei solo far presente che la manche di qualifica assegna punti sia agli agonisti che agli amatori (punti 12.1.6 e 12.1.7 del regolamento), addirittura nelle nazionali assegna lo stesso punteggio della finale.

    Commento di roberto vernassa — 13 dicembre 2008 @ 00:00

  3. Quindi vige il regolamento per cui se non porti a termine la qualifica sei tagliato fuori dalla finale? Oppure ti fanno partire fra i primi della finale?

    Commento di cristiano — 13 dicembre 2008 @ 00:37

  4. @Alberto Ancillotti: non è vero che la gente nella prima manche va a spasso. Con la modifica al regolamento, la prima manche attribuisce punteggi (nei nazionali) come la manche finale. Il regolamento è linkato in fondo all’articolo

    @cristiano: nelle gare nazionali e nel campionato italiano (le sole gare dove è prevista la qualificazione più la finale), occorre portare a termine la prima manche per accedere alla finale

    Commento di mtbnews.it — 13 dicembre 2008 @ 09:53

  5. Grazie.

    Ecco questa mi pare una boiata anche per gli agonisti…

    Commento di cristiano — 13 dicembre 2008 @ 12:51

  6. Se si attribuiscono dei punteggi è vero, certamente la gente non va a spasso, bene così, del resto messa come l’anno scorso era una vera anomalia anche rispetto alla coppa.
    Mi scuso, non avevo letto il link, dal momento che questa importantissima modifica non era stata citata nel testo pensavo che fosse rimasto come quest’anno
    Alberto Ancillotti

    Commento di Ancillotti — 14 dicembre 2008 @ 13:02

  7. Vorrei sapere dalla Federazione se la prima manche di gara attribuisce punti soltanto per il ranking nazionale o per la classifica generale del circuito italiano. Nel primo caso, la valorizzazione della prima manche sarebbe molto più limitata, o quasi inesistente. MTBnews ha un canale per chiedere in Federazione?

    Commento di cristiano — 17 dicembre 2008 @ 23:50

  8. Credo che Antonio Silva (e anche qualcun altro in FCI) ci legga, ma non credo si spingano fino ai commenti… Provo a chiedere se possono dare delucidazioni.

    Commento di mtbnews.it — 19 dicembre 2008 @ 11:27

  9. Infatti come ha detto Cristiano e come mi sembra di capire, specie dal punto 12.3.1 e dal 12.3.2 si tratta di ranking e non di punti di classifica di circuito od altro.
    Quindi, se le cose stanno così (attendiamo conferma) sarebbe poca cosa, se vogliamo prendere esempio dalla coppa, prendiamolo fino in fondo, qui i punti della qualifica contribuiscono a determinare il risultato finale
    Alberto Ancillotti

    Commento di ancillotti — 20 dicembre 2008 @ 11:43


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: